Prevenzione del Cyberbullismo (Cyberbullying)

Progetti nelle scuole

Approccio ecologico e sistemico

Minori, famiglia e scuola sono i tre soggetti principali a cui è rivolto l’intervento. Le iniziative e i progetti in campo intendono fornire consigli pratici ad insegnanti e genitori e allo stesso tempo sviluppare nei giovani un uso consapevole e responsabile di Internet e del cellulare


Fasi dell’intervento

Nel programma sono previsti diversi livelli di azione:

Livello di intera scuola: azioni di formazione e supervisione degli insegnanti e azioni svolte al coinvolgimento delle famiglie.

- Intervento con i genitori: 1 incontro informativo sul fenomeno del bullismo elettronico e sui rischi che l’utilizzo di Internet comporta per rinforzare gli interventi educativi sul tema del cyberbullismo e sui rischi di Internet.

- Intervento con gli insegnanti: 5 incontri basati su un training interattivo che utilizza tecniche cooperative e di supporto reciproco tra insegnanti unito ad un programma di costante supervisione dell’applicazione di tali tecniche all’interno della classe e di counseling e di supporto personale all’insegnante.

Livello classe: il quadro di riferimento teorico alla base del programma è l’approccio dei ruoli dei partecipanti (Salmivalli, Karna, Poskiparta, 2010) e l’idea che nel gruppo vi siano norme informali che possono sostenere o accettare le prepotenze e che sono di ostacolo ai cambiamenti dei comportamenti e del clima della classe.

- Interventi nel gruppo classe condotti dal ricercatore: 7 incontri di due ore ciascuno con l’obiettivo di fornire maggiore informazione che possa tradursi in aumentata sensibilità rispetto al fenomeno del cyberbullyng; programmi specifici rivolti agli alunni perché possano apprendere strategie utilizzabili in caso di cyberbullismo e perché possano sviluppare le competenze relazionali necessarie per instaurare rapporti basti sul rispetto di sé e degli altri, empatia e prosocialità e non su credenze normative che approvano la violenza.

 
unibo europa